BANCA POPOLARE VALCONCA vuole trasformarsi in SPA

Banca Popolare Valconca ha convocato per domenica 1 luglio l’assemblea dei soci per deliberare la trasformazione societaria  della Banca da Popolare a SpA.
Questa notizia, la trasformazione della forma giuridica, impone delle riflessioni per le implicazioni di carattere economico e sociale sul territorio della Valconca.
Ci teniamo a precisare, per sgombrare il campo da notizie inesatte diffuse fra gli azionisti, che la riforma delle Popolari varata dal governo precedente, impone alle popolari che hanno raggiunto una dimensione troppo grande di abbandonare tale forma giuridica e diventare una società diversa (SpA), ma Banca Valconca è ben lontana da quei limiti.
Quindi, quale è la ragione che ha portato a tale proposta?
Non ci risultano segnali di crisi e se esistono problemi di funzionamento la trasformazione giuridica non garantisce automaticamente solidità e buon funzionamento.
Vorremmo ricordare che la crisi del sistema bancario non è stata determina solamente dalle piccole banche ma originata dai colossi bancari internazionali e nazionali.
Crediamo sia necessario riflettere sul valore etico ed economico delle banche popolari elencandone alcuni aspetti:
– la vicinanza alla Comunità
– la mutualità fra i soci
– la partecipazione dei soci con la possibilità di contare sulle scelte strategiche.

Federconsumatori Rimini crede in questi valori e modalità e chiede di riflettere prima di trasformare questa banca in una SpA, con vantaggi solo per i facoltosi azionisti.
Ci stupisce la totale assenza di giudizio su tale operazione da parte dei Partiti Politici e degli Amministratori dei territori maggiormente coinvolti e auspichiamo che non prevalga il semplice concetto: grande è bello.

Recent Posts