In News

Continuano le segnalazioni in merito alle rette scolastiche: come già segnalato dalla scrivente Associazione, alcuni istituti hanno chiesto il pagamento integrale delle rette mensili, a partire dal mese di marzo 2020, sulla scorta di presunte spese di gestione non ammortizzabili. 

Ad oggi, molte famiglie si vedono costrette a sostenere spese mensili per rette di istituti che non forniscono il servizio, con aggravio della situazione economica già compromessa a causa dell’emergenza Covid 19, senza peraltro alcuna certezza sulla possibilità di ripresa delle attività entro il corrente anno scolastico e/o educativo.

Per quei genitori che devono continuare a lavorare, poi, il ricorso ad una baby sitter appare necessaria e va ad aggiungersi alle spese per la gestione dei figli minori. 

Abbiamo già avanzato richiesta alla Giunta Regionale affinché le rette delle scuole private e/o paritarie relative ai mesi interessati dall’emergenza e già versate, vengano “sospese” e computate alla ripresa dell’attività, anche oltre l’anno scolastico in corso.                                 In alternativa qualora non sia possibile utilizzare quelle rette successivamente, perché ad esempio termina il ciclo di studi, sarà necessario predisporre un rimborso delle stesse. 

In attesa di un auspicabile quanto necessario intervento delle Autorità in tal senso, Federconsumatori Rimini è disponibile a tutelare le famiglie coinvolte, anche mediante un intervento specifico volto a verificare e mediare gli interessi coinvolti.  Chi avesse bisogno di consulenza ed assistenza può scriverci su segreteria@federconsumatoririmini.it oppure contattarci al numero 380.3876127 dal lunedì al venerdì dale 9.00 alle 12.00

Post recenti

Leave a Comment